Post

La mano destra di Quasimodo

Immagine
L'impronta a inchiostro della mano destra di Salvatore Quasimodo è stata ritrovata da Alessandro Quasimodo nell’VIII copia numerata dell’edizione di testa del «Leonida di Taranto» di Salvatore Quasimodo , facente parte della collana “Gli Inchiostri” dell'Apollinaire.  L’edizione di lusso, curata da Guido Le Noci, era stata tirata, nel 1968, in 200 esemplari numerati e l’impronta della mano di Quasimodo era all’interno delle prime 36 copie facenti parte dell’edizione di testa. Il “cartone” con l’impronta e tutte le 200 copie avrebbero dovuto recare la firma autografa di Quasimodo, ma la sopraggiunta morte del poeta impedì di tenere fede a quanto scritto nel colophon , così come specificato da una nota editoriale*. Il colophon descrive l’edizione di lusso nel dettaglio: La presente edizione di lusso del «Leonida di Taranto» di Salvatore Quasimodo, facente parte della collana «Gli Inchiostri» dell'Apollinaire, è stata stampata in Milano, per iniziativa dell'Amministrazi

Tutte le poesie di Quasimodo | La nuova edizione

Immagine
Salvatore Quasimodo è autore di alcune (almeno una decina) delle liriche più belle, note e intense della letteratura novecentesca, per non dire del fatto che Ed è subito sera è, probabilmente, la poesia più tradotta della storia letteraria. Negli ultimi giorni Mondadori ha mandato in libreria la nuova edizione di Tutte le poesie di Quasimodo a cura di Carlangelo Mauro . Si tratta di un’edizione che, oltre al  corpus poetico noto, riunisce e presenta ai lettori anche le poesie pubblicate dal poeta in varie occasioni, e non più riprese, e persino alcuni inediti. Il tutto con una serie di Apparati degni di un’edizione critica di grande valore scientifico. Va, inoltre, segnalato che il curatore ha scelto, con grande coraggio (e, forse, non immemore della scelta editoriale di Patrick Reumaux ), di inserire i Lirici greci tra le poesie di Quasimodo, in tal modo presentandoli come vero e proprio atto creativo del poeta , piuttosto che come traduzione. Mancano, però, nell’edizione, i lib

A che età hanno vinto il Premio Nobel per la Letteratura gli italiani? | Infografica

Immagine
Dal 1901 ad oggi gli italiani che hanno ottenuto il Premio Nobel per la Letteratura sono 6: Giosuè Carducci nel 1906; Grazia Deledda nel 1926; Luigi Pirandello nel 1934; Salvatore Quasimodo nel 1959; Eugenio Montale nel 1975 e Dario Fo nel 1997. Che età avevano quando è stato loro conferito il Premio Nobel? L'infografica mostra come non solo Grazia Deledda è stata l'unica donna a ricevere l'ambito riconoscimento, ma è stata anche la più giovane vincitrice del sestetto. Il più anziano Eugenio Montale.

Gli ultimi anni di Quasimodo

Immagine
Quasimodo con Curzia Ferrari Curzia Ferrari è stata una delle compagne di Salvatore Quasimodo. Si conobbero che il poeta era fresco di Premio Nobel e la loro relazione durò, più o meno, sei anni e terminò con la morte di lui. Agli anni della loro unione, la Ferrari, nel 1970, ha dedicato il libro Una donna e Quasimodo , pubblicato da Ferro Edizioni, dove traccia un profilo approfondito del Quasimodo-uomo. Ne esce un ritratto vivido di un uomo pieno di contraddizioni e paure, ma non per questo privo di fascino e capace di slanci di generosità inusuali. Un uomo iroso e manesco, ma, al contempo, fragile e in cerca d’amore. Geloso fino alla caricatura, ma dedito al tradimento sistematico. Un uomo in grado di indagare nel profondo l’Uomo, ma che, negli ultimi tempi, preferiva la solitudine agli uomini. Un uomo che viveva male l’invecchiamento e aveva paura della Morte (propria e altrui: non volle mai vedere un defunto, ricorda l’autrice). Un ateo che, però, credeva nel malocchio! Un uomo c

Alessandro Quasimodo interpreta "Alle fronde dei salici"

Immagine
Nel video di Danilo Ruocco , Alessandro Quasimodo interpreta Alle fronde dei salici di Salvatore Quasimodo.

Dalla Rocca di Bergamo Alta

Immagine
Dalla Rocca di Bergamo Alta Hai udito il grido del gallo nell'aria di là dalle murate, oltre le torri gelide d'una luce che ignoravi, grido fulmineo di vita, e stormire di voci dentro le celle, e il richiamo d'uccello della ronda avanti l'alba. E non hai detto parole per te: eri nel cerchio ormai di breve raggio: e tacquero l'antilope e l'airone persi in un soffio di fumo maligno, talismani d'un mondo appena nato. E passava la luna di febbraio aperta sulla terra, ma a te forma nella memoria, accesa al suo silenzio. Anche tu fra i cipressi della Rocca ora vai senza rumore; e qui l'ira si quieta al verde dei giovani morti e la pietà lontana è quasi gioia. Nota La poesia nasce da un dato biografico: Quasimodo fu incarcerato a Bergamo come disertore per non aver risposto a una cartolina precetto (mai ricevuta) di richiamo alle armi. Il manoscritto è datato febbraio-marzo 1943, e il componimento fa parte d

A Stoccolma un evento per celebrare Quasimodo

Immagine
Nell'ambito delle celebrazioni per il 60esimo anniversario dell’assegnazione a Salvatore Quasimodo del Premio Nobel per la Letteratura , il 7 dicembre prossimo, alle ore 16.30, all’Istituto Italiano di Cultura a Stoccolma si terrà l'evento Musica... per un Nobel . Si tratta di una conferenza seguita da un concerto. Alla conferenza, moderata dall'avvocato Carlo Mastroeni , prenderanno parte come relatori: - la dott.ssa  Maria Sica , direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura “C.M. Lerici” di Stoccolma; - il Dott. Danilo Ruocco , studioso quasimodiano e curatore del sito dedicato a Salvatore Quasimodo ; - l'avvocato Sergio Mastroeni del Parco letterario Salvatore Quasimodo 'La terra impareggiabile' . Ruocco parlerà, tra l'altro, delle reazioni che suscitò in Italia la notizia dell’assegnazione del Premio Nobel a Quasimodo e tratterà anche il legame di Quasimodo con il mondo della musica colta.  Mastroeni ricorderà l'evento realizzat