Passa ai contenuti principali

Alle fronde dei salici

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.






Note di Danilo Ruocco

L'impossibilità creativa del poeta non è data da mancanza di ispirazione, ma dalla barbarie delle guerra, dall'orrore dell'occupazione del suolo italiano da parte della Germania Nazista («il piede straniero sopra il cuore»).
Il canto poetico, simbolo di comunicazione serena tra gli uomini, resta muto per scelta («per voto»). A tale proposito Quasimodo scrisse in una nota dedicata alla poesia: «Il poeta non canta, dico io, nel primo verso, […] perché il canto è la rivelazione più profonda del sentimento dell'uomo»*.
Restando mute le voci “calde”, “vere” (perché rivelatrici del «sentimento dell'uomo») dei poeti, la comunicazione umana sembra affidata soltanto a uno strumento “freddo” (in quanto tecnologico e “funzionale”) quale è il telegrafo. Ma anch'esso, però, in tempo di barbarie, perde la sua unica funzione (quella, appunto, di facilitare la comunicazione tra gli uomini) e ne assume un'altra del tutto inumana (quella di crocifisso per i giovani: i «figli»).
I salici (piangenti) sono le piante a cui sono appese, volontariamente, le cetre dei poeti. In questa immagine ci sono echi della Bibbia (il Salmo CXXXVII nel quale si parla della sofferenza degli ebrei durante la cattività babilonese) e del Nabucco di Verdi (il coro “Va' pensiero sull'ali dorate”, precisamente i versi «Arpa d'or dei fatidici vati | perché muta dal salice pendi?», cui sembra dare una risposta Quasimodo).
La poesia fu «scritta alla fine dell'inverno del 1944, nel periodo più crudele della nostra storia»* e fa parte, come Milano, agosto 1943 (leggi), di Giorno dopo giorno (vedi scheda).


* Salvatore Quasimodo citato da Rosalma Salina Borello in Per conoscere Quasimodo, Milano, Mondadori, 1973, p.71.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Milano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere, povera mano, la città è morta. È morta: s’è udito l’ultimo rombo sul cuore del Naviglio. E l’usignolo è caduto dall’antenna, alta sul convento, dove cantava prima del tramonto. Non scavate pozzi nei cortili: i vivi non hanno più sete. Non toccate i morti, così rossi, così gonfi: lasciateli nella terra delle loro case: la città è morta, è morta.


Quasimodo commemora Martin Luther King e spiega il razzismo

Il 4 aprile 1968 a Menphis venne assassinato il pastore protestante e attivista per i diritti civili delle persone afro-americane Martin Luther King, Premio Nobel per la Pace 1964. L’11 aprile di quell’anno, a Milano, il Premio Nobel per la Letteratura 1959 Salvatore Quasimodo tenne un discorso commemorativo nel quale ricordò l’azione pacifica di M.L. King e spiegò le origini del razzismo. Fu l’ultimo discorso pubblico di Quasimodo che morì il 14 giugno di quell’anno. In occasione del cinquantenario della morte dei due Premi Nobel, le edizioni Bonajuto di Modica pubblicano il Discorso su Martin Luther King in un’edizione fuori commercio accompagnata da uno scritto di Danilo Ruocco su Quasimodo.
Si tratta di un discorso lucido e, purtroppo, ancora di stretta attualità, nel quale Quasimodo, lontano da ogni retorica, spiega in modo semplice e comprensibile a chiunque le motivazioni che danno origine al razzismo e avanza un’ipotesi inquietante sulle possibili reali motivazioni che portarono l…

Quasimodo messo alla berlina da un fascista

Nel settembre del 1943 Salvatore Quasimodosi trovava a Bergamo per sfuggire ai bombardamenti su Milano.
Qualcuno che, sulle pagine de “La voce repubblicana” (organo di stampa milanese dei repubblichini), si firmava Icaro, ebbe a scrivere, per la rubrica “La colonna infame”, un articolo in cui si riportavano le opinioni antifasciste di Salvatore Quasimodo, mettendole alla berlina assieme a chi le aveva pronunciate*.
L’estensore dell’articolo, infatti, oltre a riferire le opinioni di Quasimodo sul Fascismo, si incaricò anche di fare un ritratto del poeta che, nelle sue intenzioni, non doveva suonare per nulla lusinghiero.
Secondo quanto dichiarato da Alessandro Quasimodo**, Icaro era Enotrio Mastrolonardo (1911 - 1996) che fingeva di essere amico di Salvatore Quasimodo per poterne carpire subdolamente le opinioni, in modo da poter svolgere la sua azione delatoria ai danni del poeta***. È a lui, sempre stando a quanto dettomi da Alessandro Quasimodo, che Salvatore Quasimodo si riferisce nell…