Passa ai contenuti principali

1950 Salvatore Quasimodo vince il Premio San Babila

Da sinistra: Francesco Flora, Germana Marucelli, Salvatore Quasimodo, Maria Luisa Spaziani e Gian Siro Ferrata, seconda edizione Premio San Babila. Quasimodo è proclamato vincitore, Ristorante Bagutta, Milano, 12 giugno 1950. Fotografia di Patellani. 


Nel 1950 Salvatore Quasimodo vinse la seconda edizione del Premio San Babila.
La prima edizione del premio - che era biennale - era stata vinta nel 1948 da Giuseppe Ungaretti. Quell'anno Quasimodo era stato “segnalato” assieme ad Alfonso Gatto e Vittorio Sereni*.

Il premio era stato fondato e finanziato dalla pittrice Evelina Casalini e dalla stilista Germana Marucelli*(1905 - 1983) che era anche l’animatrice di un vivace salotto culturale milanese, conosciuto come "Giovedì di Germana Marucelli".

La commissione del Premio San Babila che, nel 1950, assegnò il primo premio a Quasimodo era formata da Giansiro Ferrata, Maria Luisa Spaziani, Germana Marucelli, Francesco Flora, Arturo Tofanelli, Luciano Anceschi, Carlo Bo, Mario Bonfantini ed Edilio Rusconi**.

Germana Marucelli e Salvatore Quasimodo, 1950, Milano (durante un “Giovedì di Germana Marucelli"). Fotografia di Patellani.


____________________
* Cfr. E.R., Ungaretti vincitore del premio San Babila, in «La nuova Stampa», 19 febbraio 1948.  
**Cfr. P.E.G., Una vita per la poesia, in «Tempo», 24 giugno 1950.  

Fotografia con dedica di Maria Cumani per Germana Marucelli, luglio 1947
____________________
Le immagini originali qui riprodotte sono custodite nell'Archivio dell'Associazione Germana Marucelli che qui si ringrazia per la disponibilità.

Commenti

Post più letti

Milano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere, povera mano, la città è morta. È morta: s’è udito l’ultimo rombo sul cuore del Naviglio. E l’usignolo è caduto dall’antenna, alta sul convento, dove cantava prima del tramonto. Non scavate pozzi nei cortili: i vivi non hanno più sete. Non toccate i morti, così rossi, così gonfi: lasciateli nella terra delle loro case: la città è morta, è morta.


La famiglia di Salvatore Quasimodo

Visualizza la Schedacon i membri della famiglia allargata di Salvatore Quasimodo.

Il poeta e il politico

Il poeta e il politico è il discorso che Salvatore Quasimodo pronunciò a Stoccolma durante la cerimonia di consegna del Premio Nobel per la Letteratura. Si tratta di un testo ancora di stringente attualità, nonostante risalga al 1959.
Vale la pena riepilogarlo per sommi capi.

L’inizio del discorso è intimamente autobiografico (“La poesia è anche la persona fisica del poeta (...)”), ma non per questo meno universale: ciò che Quasimodo afferma di sé poeta intende dirlo di tutti coloro che per lui sono veri poeti.
Infatti, secondo Quasimodo, si può distinguere tra un poeta e un letterato, perché il primo è un pericolo per il potere (politico e religioso), mentre il secondo viene corteggiato dal potere che da lui vuole ricevere lodi (in forma di odi).
Il poeta nasce solo e (a differenza del letterato che partecipa del potere) cresce solo. La sua solitudine, "mal sopportata dal politico", è già di per sé una poetica. Ciò è ancor più vero quando il poeta muove i primi passi d’artista …