Passa ai contenuti principali

Il pensiero di Quasimodo

Rifare un mondo. Sui “Colloqui” di Quasimodo di Carlangelo Mauro edito da Sinestesie è un bel saggio che, partendo dalla lettura attenta dei “Colloqui” che Salvatore Quasimodo intrattenne negli anni Sessanta con i lettori del settimanale “Tempo”, ricostruisce il pensiero del poeta-giornalista siciliano.
Mauro, già curatore dell’edizione in volume dei “Colloqui”, immerge, nel suo studio, i testi di Quasimodo nel dibattito pubblico dell’epoca, confrontando le di lui posizioni con quelle, ad esempio, di Pasolini o di Calvino.
Ne risulta un Quasimodo “apocalittico” (assai prima di Pasolini) che diffidava dall’omologazione (specie di quella giovanile) voluta dalla società dei consumi e imposta dai mass media e domandava ai suoi lettori, e in particolare ai giovani ai quali spesso si rivolgeva, consapevolezza e pensiero critico; aderenza alla realtà e spinta al cambiamento. 

Un cambiamento che, per il poeta-giornalista, doveva mirare a “rifare un mondo” (così come la sua poesia del dopoguerra mirava a “rifare l’uomo”).
Le posizioni di Quasimodo nei confronti dei movimenti giovanili oscillavano, quindi, tra il pessimismo e l’ottimismo a seconda del livello di “impegno” politico dei giovani coinvolti. Si possono leggere, allora, critiche anche severe (condite da ironia e, a volte, sarcasmo) nei confronti del movimento beat e dei giovani yé-yé; e, parallelamente, incoraggiamenti nei confronti del movimento di contestazione studentesca del ‘68, al quale Quasimodo dava credito.

Le posizioni ambivalenti e al limite della contraddizione, però, non riguardavano solo i movimenti giovanili: Mauro sottolinea, infatti, come esse fossero una specie di costante nella rubrica giornalistica di Quasimodo. Posizioni che andavano, anche all’interno di un medesimo pezzo giornalistico, dal già ricordato pessimismo “apocalittico”, all’ottimismo dell’”integrato” (per usare le note categorie di Umberto Eco).
In parte, forse, ciò si può spiegare con il carattere “occasionale” degli scritti quasimodiani su “Tempo”: il poeta-giornalista, infatti, rispondeva (e reagiva) a precise sollecitazioni dei lettori che lo interrogavano su fatti di cronaca e di attualità. I suoi “asterischi” giornalistici, quindi, erano lontani dal saggio filosofico/sociologico lungamente meditato.
Inoltre, va ricordato come la rubrica uscisse in un periodo di grossi e repentini mutamenti sociali che possono, in alcuni casi, aver trovato Quasimodo in qualche modo sprovvisto dei necessari strumenti di analisi sociologica...

Ad ogni modo, Quasimodo, se nelle sue risposte spesso concordava con i lettori a proposito dei benefici che il progresso scientifico portava con sé, non tralasciava, però, anche di mostrare i limiti e i danni del boom economico. Le sue preoccupazioni erano di tipo ecologista e antinuclearista, oltre che di fine intellettuale che sbertucciava i bassi livelli culturali dei prodotti offerti agli spettatori attraverso i mezzi di comunicazione di massa, come il cinema e la TV.
Un Quasimodo, dunque, paradossalmente attuale, nel suo essere “apocalittico” nei confronti dei mali causati dall’urbanizzazione e dall’industrializzazione incontrollate.

Il saggio di Mauro analizza, con un linguaggio accessibile anche ai non specialisti, ma non per questo privo di esattezza, gli scritti di Quasimodo dividendoli in grosse aree tematiche: i giovani; la famiglia; la donna; i padri e i figli; l’emigrazione; l’arte e la letteratura. Per ognuna di esse ricostruisce il pensiero di Quasimodo in merito e, come detto, lo contestualizza nel momento storico.
Ne esce un ritratto di Salvatore Quasimodo piacevole e corretto, lontano dalle banalizzazioni e ideosicrasie dimostrate da certi critici/studiosi avversari del siciliano.

Un libro di cui si consiglia vivamente la lettura, non solo per conoscere il Quasimodo giornalista, ma anche il Quasimodo poeta e traduttore.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Milano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere, povera mano, la città è morta. È morta: s’è udito l’ultimo rombo sul cuore del Naviglio. E l’usignolo è caduto dall’antenna, alta sul convento, dove cantava prima del tramonto. Non scavate pozzi nei cortili: i vivi non hanno più sete. Non toccate i morti, così rossi, così gonfi: lasciateli nella terra delle loro case: la città è morta, è morta.


Quasimodo critico d'arte

Salvatore Quasimodo è anche stato un critico d’arte. Questo aspetto della sua attività è poco conosciuto dai lettori e altrettanto poco studiato dai critici. Francesco D’Episcopo ha dedicato un saggio a tale aspetto dell’impegno critico del Premio Nobel. Il saggio si trova nel volume Ermetici meridionali: tra immagine e parola (De Libero, Bodini, Sinisgalli, Quasimodo), edito da Cuzzola editore, Salerno, nel 1986. In particolare, il saggio dedicato a Quasimodo critico d’arte, va dalla pagina 95 alla 117 e si intitola Le metamorfosi della memoria: Salvatore Quasimodo.
Dopo aver riportato un ampio stralcio di quanto scritto da Quasimodo a proposito di Domenico Cantatore, il professor D’Episcopo esordisce:
È da questa Milano, affamata e avventurosa, che prende avvio il viaggio-inchiesta di Salvatore Quasimodo nella controversa realtà artistica del suo tempo. L’intensa amicizia con pittori e scultori, molti dei quali di estrazione meridionale, era coltivata nella bohème scapigliata di un caffè…

Quasimodo su Telegram

Il Premio Nobel per la Letteratura Salvatore Quasimodo sbarca su Telegram con un canale a lui interamente dedicato.
Il canale ha come finalità principale quella di tenere aggiornati gli iscritti sugli eventi legati a Salvatore Quasimodo; i post pubblicati sui siti dedicati al Premio Nobel; le pubblicazioni di e su Quasimodo.
Il canale è gestito e moderato da chi da anni in Italia e nel mondo si dedica con competenza, passione e professionalità allo studio e alla diffusione dell’opera di Quasimodo. Hanno finora aderito:  l’attore e regista Alessandro Quasimodo;lo studioso quasimodiano Carlangelo Mauro;il Parco letterario “La terra impareggiabile” di Roccalumera; il Museo Casa natale Salvatore Quasimodo di Modica; il Club Amici di Salvatore Quasimodo a Como;il sito dedicato a Salvatore Quasimodo salvatorequasimodo.it
Nome del canale: Salvatore Quasimodo  Link diretto: https://t.me/salvatorequasimodo Username su Telegram: @salvatorequasimodo