Passa ai contenuti principali

Gli ultimi anni di Quasimodo

Quasimodo con Curzia Ferrari

Curzia Ferrari è stata una delle compagne di Salvatore Quasimodo.

Si conobbero che il poeta era fresco di Premio Nobel e la loro relazione durò, più o meno, sei anni e terminò con la morte di lui.


Agli anni della loro unione, la Ferrari, nel 1970, ha dedicato il libro Una donna e Quasimodo, pubblicato da Ferro Edizioni, dove traccia un profilo approfondito del Quasimodo-uomo.


Ne esce un ritratto vivido di un uomo pieno di contraddizioni e paure, ma non per questo privo di fascino e capace di slanci di generosità inusuali.

Un uomo iroso e manesco, ma, al contempo, fragile e in cerca d’amore.

Geloso fino alla caricatura, ma dedito al tradimento sistematico.

Un uomo in grado di indagare nel profondo l’Uomo, ma che, negli ultimi tempi, preferiva la solitudine agli uomini.

Un uomo che viveva male l’invecchiamento e aveva paura della Morte (propria e altrui: non volle mai vedere un defunto, ricorda l’autrice).

Un ateo che, però, credeva nel malocchio!

Un uomo che si percepiva bruttino e bassino, ma che ebbe sempre forte il culto della personalità e il piacere di vestire all’ultima moda.


In altre parole, un uomo lontanissimo dall’immagine un po’ ingessata che, per solito, si ha di un Premio Nobel che si vorrebbe tutto cultura e pensieri sublimi e spirituali.

No, Quasimodo, oltre all’amore per la cultura, aveva il culto dell’eros, della donna-donna, quella per nulla angelicata.


Un eros vissuto - negli ultimi tempi - come una sorta di ancora di salvezza, più che di sfogo del corpo. 

Un’ancora in grado di tenerlo attaccato alla vita.

Vita che percepiva, in modo netto, di stare perdendo.


E tale percezione della Morte vissuta con esattezza, gli creava ansie che sfociavano nell’assunzione disordinata di medicinali e in un’insonnia perenne che lo portava a dormire al massimo tre ore per notte.


Con i propri ricordi “a caldo”, restituiti al lettore riuniti in aree tematiche definite dal carattere di Quasimodo, piuttosto che in ordine cronologico, la Ferrari, dunque, ha reso il Maestro (così veniva comunemente chiamato il poeta) più umano.


Un libro che vale la pena cercare e leggere.


Commenti

Post più letti durante la settimana

Milano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere, povera mano, la città è morta. È morta: s’è udito l’ultimo rombo sul cuore del Naviglio. E l’usignolo è caduto dall’antenna, alta sul convento, dove cantava prima del tramonto. Non scavate pozzi nei cortili: i vivi non hanno più sete. Non toccate i morti, così rossi, così gonfi: lasciateli nella terra delle loro case: la città è morta, è morta.


Quasimodo critico d'arte

Salvatore Quasimodo è anche stato un critico d’arte. Questo aspetto della sua attività è poco conosciuto dai lettori e altrettanto poco studiato dai critici. Francesco D’Episcopo ha dedicato un saggio a tale aspetto dell’impegno critico del Premio Nobel. Il saggio si trova nel volume Ermetici meridionali: tra immagine e parola (De Libero, Bodini, Sinisgalli, Quasimodo), edito da Cuzzola editore, Salerno, nel 1986. In particolare, il saggio dedicato a Quasimodo critico d’arte, va dalla pagina 95 alla 117 e si intitola Le metamorfosi della memoria: Salvatore Quasimodo.
Dopo aver riportato un ampio stralcio di quanto scritto da Quasimodo a proposito di Domenico Cantatore, il professor D’Episcopo esordisce:
È da questa Milano, affamata e avventurosa, che prende avvio il viaggio-inchiesta di Salvatore Quasimodo nella controversa realtà artistica del suo tempo. L’intensa amicizia con pittori e scultori, molti dei quali di estrazione meridionale, era coltivata nella bohème scapigliata di un caffè…

Quasimodo su Telegram

Il Premio Nobel per la Letteratura Salvatore Quasimodo sbarca su Telegram con un canale a lui interamente dedicato.
Il canale ha come finalità principale quella di tenere aggiornati gli iscritti sugli eventi legati a Salvatore Quasimodo; i post pubblicati sui siti dedicati al Premio Nobel; le pubblicazioni di e su Quasimodo.
Il canale è gestito e moderato da chi da anni in Italia e nel mondo si dedica con competenza, passione e professionalità allo studio e alla diffusione dell’opera di Quasimodo. Hanno finora aderito:  l’attore e regista Alessandro Quasimodo;lo studioso quasimodiano Carlangelo Mauro;il Parco letterario “La terra impareggiabile” di Roccalumera; il Museo Casa natale Salvatore Quasimodo di Modica; il Club Amici di Salvatore Quasimodo a Como;il sito dedicato a Salvatore Quasimodo salvatorequasimodo.it
Nome del canale: Salvatore Quasimodo  Link diretto: https://t.me/salvatorequasimodo Username su Telegram: @salvatorequasimodo