Passa ai contenuti principali

Alle fronde dei salici

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.




Note di Danilo Ruocco

L'impossibilità creativa del poeta non è data da mancanza di ispirazione, ma dalla barbarie delle guerra, dall'orrore dell'occupazione del suolo italiano da parte della Germania Nazista («il piede straniero sopra il cuore»).
Il canto poetico, simbolo di comunicazione serena tra gli uomini, resta muto per scelta («per voto»). A tale proposito Quasimodo scrisse in una nota dedicata alla poesia: «Il poeta non canta, dico io, nel primo verso, […] perché il canto è la rivelazione più profonda del sentimento dell'uomo»*.
Restando mute le voci “calde”, “vere” (perché rivelatrici del «sentimento dell'uomo») dei poeti, la comunicazione umana sembra affidata soltanto a uno strumento “freddo” (in quanto tecnologico e “funzionale”) quale è il telegrafo. Ma anch'esso, però, in tempo di barbarie, perde la sua unica funzione (quella, appunto, di facilitare la comunicazione tra gli uomini) e ne assume un'altra del tutto inumana (quella di crocifisso per i giovani: i «figli»).
I salici (piangenti) sono le piante a cui sono appese, volontariamente, le cetre dei poeti. In questa immagine ci sono echi della Bibbia (il Salmo CXXXVII nel quale si parla della sofferenza degli ebrei durante la cattività babilonese) e del Nabucco di Verdi (il coro “Va' pensiero sull'ali dorate”, precisamente i versi «Arpa d'or dei fatidici vati | perché muta dal salice pendi?», cui sembra dare una risposta Quasimodo).
La poesia fu «scritta alla fine dell'inverno del 1944, nel periodo più crudele della nostra storia»* e fa parte, come Milano, agosto 1943 (leggi), di Giorno dopo giorno (vedi scheda).


* Salvatore Quasimodo citato da Rosalma Salina Borello in Per conoscere Quasimodo, Milano, Mondadori, 1973, p.71.

Post popolari in questo blog

Milano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere, povera mano, la città è morta. È morta: s’è udito l’ultimo rombo sul cuore del Naviglio. E l’usignolo è caduto dall’antenna, alta sul convento, dove cantava prima del tramonto. Non scavate pozzi nei cortili: i vivi non hanno più sete. Non toccate i morti, così rossi, così gonfi: lasciateli nella terra delle loro case: la città è morta, è morta.


La famiglia di Salvatore Quasimodo

Visualizza la Schedacon i membri della famiglia allargata di Salvatore Quasimodo.

Il poeta e il politico

Il poeta e il politico è il discorso che Salvatore Quasimodo pronunciò a Stoccolma durante la cerimonia di consegna del Premio Nobel per la Letteratura. Si tratta di un testo ancora di stringente attualità, nonostante risalga al 1959.
Vale la pena riepilogarlo per sommi capi.

L’inizio del discorso è intimamente autobiografico (“La poesia è anche la persona fisica del poeta (...)”), ma non per questo meno universale: ciò che Quasimodo afferma di sé poeta intende dirlo di tutti coloro che per lui sono veri poeti.
Infatti, secondo Quasimodo, si può distinguere tra un poeta e un letterato, perché il primo è un pericolo per il potere (politico e religioso), mentre il secondo viene corteggiato dal potere che da lui vuole ricevere lodi (in forma di odi).
Il poeta nasce solo e (a differenza del letterato che partecipa del potere) cresce solo. La sua solitudine, "mal sopportata dal politico", è già di per sé una poetica. Ciò è ancor più vero quando il poeta muove i primi passi d’artista …

Giorno dopo giorno - Scheda

Titolo: Giorno dopo giorno Editore: Mondadori Collana: I poeti dello “Specchio” Anno: 1947 (febbraio) Città: Milano Introduzione: Carlo Bo Pagine: 68 Formato: 13X19 Indice: Alle fronde dei salici Lettera 19 gennaio 1944 Neve Giorno dopo giorno Forse il cuore La notte d’inverno Milano, agosto 1943 La muraglia O miei dolci animali Scritto forse su una tomba A me pellegrino Dalla rocca di Bergamo alta Presso l'Adda S’ode ancora il mare Elegia Di un altro Lazzaro Il traghetto Il tuo piede silenzioso Uomo del mio tempo